Posted by on 27 Lug 2016 in News

“Un’ arena particolare” è un omaggio alla cinematografia di Ettore Scola ed al suo rapporto con la città di Roma. Irpino di nascita, ma romano di adozione Scola ambientò la maggior parte dei suoi film nella capitale, dal comprensorio dei Palazzi Federici in Viale XXI Aprile nel quartiere Nomentano dove girò a distanza di anni “Una giornata particolare” e “Romanzo di un giovane povero” , al quartiere Trieste di “C’eravamo tanto amati”  fino alla “Famiglia” che si immagina girato in un appartamento di Prati e a  “La Terrazza” con scorci del Piazzale delle Belle Arti.  Proprio i Palazzi Federici sono stati scelti a rappresentare simbolicamente il primo mattone di un progetto realizzato da Blue Desk con il supporto del Network Arene di Roma, per portare il grande cinema d’autore nelle case, attraverso i suoi cortili attrezzati con sedie e maxischermo per godere tutti insieme di capolavori del grande cinema.

IMG-20160726-WA0018

L’Arena diventa così una moderna “agora”, un luogo di socializzazione e di aggregazione a disposizione di persone che troppo soventemente si incontrano sulle scale senza neanche salutarsi. I Palazzi Federici, furono progettati nel 1931 dall’Architetto Mario De Rienzi. Appena terminati ospitavano , oltre ai 442 alloggi, anche 70 negozi, un garage ed un cinema (l’attuale supermercato) al fine di rendere autosufficiente chi vi abitava, anticipando le soluzioni abitative di Le Corbusier. I Palazzi Federici nascono per ospitare gli impiegati del governatorato; gli appartamenti erano affittati per la durata di un quinquennio << a persone oneste e incensurate, di condizioni economiche non agiate, che, avendo stabile residenza a Roma da almeno cinque anni , e anche da più breve tempo quando si tratti di sfrattati per demolizione e per opere di Piano Regolatore, o di trasferimento per ragioni di pubblico ufficio e di pubblico servizio, ne faranno domanda>>.”Una giornata particolare”, capolavoro con Sophia Loren e Marcello Mastroianni, venne girato in un appartamento situato al settimo piano dell’edificio nel 1977, su consiglio di Maurizio Costanzo che fu cosceneggiatore del film. La Rassegna ad ingresso gratuito, potrà ospitare circa 400 persone: 300 posti saranno riservati ai condomini, mentre 100 al pubblico che potrà accedere esclusivamente tramite prenotazione scrivendo a info@bluedesk.it .Nello spazio intorno all’Arena verrà ospitata, grazie al CSC – Cineteca Nazionale, una piccola Mostra con scatti che ritraggono il regista sul set, mentre a sottolineare l’aspetto conviviale dell’iniziativa , una parte dei condomini allestirà un aperitivo “sociale” da gustare sotto le stelle, nelle afose sere capitoline. L’evento è organizzato in collaborazione con il Network Arene di Roma da sempre impegnato ad arricchire il calendario dell’Estate Romana all’insegna della multidisciplinarietà, non solo cinema ma anche happening fotografici,spettacoli teatrali, reading e presentazioni di libri che attraverso il racconto di storie positive, contribuiscono alla valorizzazione dei saperi.

 

 

PROGRAMMA

26 LUGLIO                            

Una giornata particolare (1977). Edizione restaurata da CSC – Cineteca Nazionale in collaborazione con Surf Film, con la supervisione di Luciano Tovoli. Il film ha vinto il Leone d’oro a Venezia come miglior restauro.                                                          

OSPITI: il direttore della fotografia Luciano Tovoli                                                                 Il Responsabile archivio Film della Cineteca Nazionale Sergio Bruno

 

27 LUGLIO              

 Romanzo di un giovane povero (1995)                                                               OSPITI: Il critico cinematografico Bruno Torri                                                           Il Protagonista del Film Rolando Ravello

 

28 LUGLIO 

Ridendo e Scherzando (2015)                                                                                    Documentario di Silvia e Paola Scola (2015)                                                                       OSPITI: Il regista Silvano Agosti